Arte

art2

Laboratorio d’arte

L’autismo è un disturbo pervasivo dello sviluppo, con compromissione qualitativa della comunicazione (ritardo o assenza di espressione, stereotipie) e delle relazioni sociali (scarso uso di sguardi/ gesti, carenza di empatia). Comporta la marcata scissione tra cosgnizione ed emozione: le stereotipìe di interessi ed attività divengono, nell’autismo, un “rifugio” dalla sollecitazione emotiva di ogni esperienza sensoriale.

L’arteterapia mira a integrare pensiero ed emozione, mediante lo stimolo sensoriale. Attraverso la relazione col terapeuta, l’arteterapia ofrre una dimensione creativa alternativa all’ossessione: le stereotipìe comportamentali del paziente divengono stimolo un nuovo scambio comunicativo basato sul contatto emotivo.

Il gruppo, guidato dalla terapeuta, accoglie senza giudizio i vissuti espressi dal singolo, ed è quindi un importante rinforzo di tutti i processi creativi ed espressivi.

Mediante la creazione di forme visive attraverso la pittura, il collage, il disegno e la scultura, , favorisce l’espressione delle risorse della persona. L’opera artistica svolge il ruolo di spazio transizionale (Winnicot), di “ponte” tra l’inconscio della persona e la coscienza. Il focus della terapia è centrato sul processo creativo, non sul risultato. Nell’opera si esprime il vissuto emotivo, mediante la forma e il colore.

Obiettivi:
Promuovere:
– l’espressione di contenuti psichici
– l’espressione verbale al gruppo

Attività:
– consegna del terapeuta
– processo creativo individuale
– condivisione di gruppo, anche verbale (se possibile)

Materiali:
cartoncini A4 e A3 bianchi e colorati, pennarelli, matite colorate e lapis, acquerelli, colori ad acqua, colori a dita, pennelli, scottex, barattoli di vetro.