Diagnosi

sintomi2

Quando i genitori o figure di sostegno si preoccupano che il loro bambino non segue un tipico corso di sviluppo, si rivolgono a esperti, tra cui psicologi, educatori e professionisti del settore medico, per una diagnosi.

A prima vista, alcune persone con autismo sembrano avere una disabilità intellettiva, problemi di elaborazione sensoriali, o problemi di udito o visione. Tuttavia, è importante distinguere l’autismo da altre condizioni, con un’accurata e precoce diagnosi in grado di fornire la base per un adeguato programma educativo e di trattamento.

Altre condizioni o sindromi mediche, come il disturbo di elaborazione sensoriale, possono presentare sintomi che possono essere confusi con l’autismo. Questo è noto come diagnosi differenziale.

Ci sono molte differenze tra una diagnosi medica e una certificazione per l’ambito educativo di una disabilità. Una diagnosi medica è fatta da un medico sulla base di una valutazione dei sintomi e test diagnostici. Una diagnosi medica di disturbi dello spettro autistico, per esempio, è più frequentemente fatta da un medico secondo il Manuale Diagnostico e Statistico (DSM-5, rilasciato 2013) della American Psychological Association. Questo manuale guida il medico nella diagnosi del disturbo dello spettro autistico in base a un numero specifico di sintomi.

Una breve osservazione in un unico ambiente non può presentare un quadro reale delle capacità e dei comportamenti. La storia dello sviluppo personale e le informazioni da parte dei genitori, operatori sanitari e/o insegnanti sono componenti importanti di una diagnosi accurata.

Una certificazione per l’ambito educativo è valutata da un gruppo multidisciplinare di vari professionisti della scuola. I risultati della valutazione sono esaminati da un team di professionisti qualificati e dai genitori per stabilire se uno studente si qualifica per l’educazione speciale e relativi servizi in base alle persone con disabilità Education Act (IDEA) (Hawkins, 2009).